Coronavirus, Luca Zaia sbatte i pugni sulla scrivania: “Ora basta, i migranti rifiutano il tampone? Accettino le regole, da loro la sanità neanche c’è”

Luca Zaia perde le staffe. La questione è il rifiuto dei migranti di farsi il tampone: “È deplorevole quanto sta succedendo. Questi, che sono ospiti, dichiarano che sono dei rifugiati, e dobbiamo ancora capirlo se è così, tutto a spese dei cittadini sia per quanto riguarda il mantenimento sia per le spese legali. Se vuoi essere rifugiato in Italia accetti anche le regole del nostro Paese; se vieni qui a fare il fenomeno è giusto che ti rimandino a casa”.

Queste le parole del presidente della Regione Veneto nel corso di un punto stampa sulle evoluzioni del Covid-19 nel territorio regionale. Al centro del dibattito il rifiuto dei profughi dell’ex caserma Zanusso di sottoporsi al tampone. “Loro li devono fare tutti e se posso far provvedimenti per essere più incisivo sono a disposizione – ha aggiunto – Non esiste che vengano qui e si mettano a dirci come si fa la sanità visto che vengono da paesi dove la sanità neanche c’è. Noi dobbiamo ospitare solo quelli che meritano di essere ospitati”, è lo sfogo del leghista neo-eletto per il suo terzo mandato.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

3 Risposte a “Coronavirus, Luca Zaia sbatte i pugni sulla scrivania: “Ora basta, i migranti rifiutano il tampone? Accettino le regole, da loro la sanità neanche c’è””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.