Crea sito

Coronavirus, le indiscrezioni da brividi su governo e Cts: scusate, stavamo scherzando? Palestre, piscine, sci, bar e ristoranti chiusi anche dopo il 15 gennaio?

Come volevasi dimostrare. I colpi di scena sulle restrizioni non mancano mai: scusate, abbiamo scherzato? Questa potrebbe essere l’ipotesi che avanza dai corridoi del palazzo. Potrebbero essere riassunte così le ultime indiscrezioni che arrivano dal fronte emergenza-coronavirus, con le riaperture previste per il 15 gennaio che potrebbero già saltare. Nel dettaglio palestre, piscine, cinema, teatri e centri estetici potrebbero ancora essere costretti a chiudere dal governo, che disattenderebbe l’ennesima promessa. Così come potrebbe non ripartire, o meglio iniziare, la stagione sciistica. Il timore? Sempre quello, l’aumento dei contagi. E la conferma al possibile prorogarsi delle chiusure arriva direttamente dal Cts, dove è aperto un tavolo tecnico col ministero dello Sport “per accelerare  i tempi e consentire alle persone e soprattutto ai giovani di riprendere l’attività fisica al più presto”. Almeno a parole.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.