Crea sito

Coronavirus, il ministro Boccia si smaschera da solo e anticipa il lockdown: “Dopo Ferragosto, misure su discoteche e movida selvaggia”

Godiamoci il Ferragosto, perché da domenica sarà lockdown o quasi. Chiamiamole “prove tecniche”.

I ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, intervistato da La Stampa, anticipa le mosse del governo per gestire l’aumento di casi di coronavirus: “Se i numeri non cambiano sarà inevitabile un freno alla movida selvaggia, la prossima settimana si cercherà di condividere una scelta rigorosa con tutte le Regioni”.

La sensazione è di un esecutivo nel caos, e del resto è lo stesso Boccia ad ammetterlo implicitamente: “Le discotecheper noi non andavano proprio riaperte, le linee guida del governo andavano in questa direzione”. Peccato che sia stato lo stesso governo, con il decreto del 16 maggio scorso, a dar la possibilità alle regioni di decidere se riaprire e o meno i locali. Ai governatori “noi gli diciamo: siete autonomi, assumetevi le vostre responsabilità. Purtroppo – prosegue il ministro Pd  – i numeri non ci confortano, non tanto sul territorio nazionale, quanto sul fronte internazionale.

Noi stiamo ovviamente molto meglio degli altri Paesi europei, ma il virus circola, e dobbiamo tenere alta la guardia”. “In fondo anche i proprietari e i gestori dei locali si aspettano che non si regga aperti tutto il mese – conclude il ministro pugliese -. Se si arriverà alla chiusura, è chiaro che si aprirà un’altra questione, quella dei sussidi pubblici al settore, e in quel caso andremo dal buon Gualtieri e cercheremo di capire cosa si può fare”. E si ricomincia, come a marzo.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.