Contratti a Crimi e Taverna? Ed è subito rivolta della base dei 5 Stelle contro i vertici

«Ci hanno detto che stavolta non potevano rinnovarci il contratto perché non c’erano abbastanza fondi. E invece…». Esplode la polemica tra i Cinquestelle per i contratti a Crimi e Taverna. Lo sfogo del dipendente non è per niente isolato. Il M5S ha deciso di assumere i due ex senatori, 140mila euro l’anno in due. La motivazione: «Collaborare  con i gruppi di Camera e Senato».

Venti dipendenti – come riporta “Repubblica”, alcuni dei quali hanno lavorato per i 5 Stelle dalla prima legislatura del 2013, sono stati abbandonati a loro stessi. Nessun contratto perché il budget è ridotto e non c’è posto per tutti. La chat dei collaboratori grillini è calda, durissima la protesta e altrettanto forte è la rabbia. La notizia data da “Repubblica” sui contratti per i due ex parlamentari ha scatenato l’inferno, a dirla come il “Gladiatore”.

Un importo – specifica il quotidiano – quello che intascheranno i due, con cui si sarebbero potuti rinnovare i contratti di almeno 3-4 collaboratori. Ma ai piani alti del M5S hanno deciso di premiare gli ex senatori, a danno dei dipendenti semplici. È vero che il Movimento nella passata legislatura, dopo la sbornia elettorale del 2018, annoverava oltre 300 parlamentari mentre oggi sono solo 80. E quindi la riduzione dello staff era prevedibile. Ma il fatto che i vertici abbiano dato un salvagente, un contratto molto ben remunerato a Crimi e Taverna, fa montare la protesta.

«Non mi hanno confermato, nonostante io abbia sempre raggiunto tutti gli obiettivi, dopo aver partecipato a tutte le campagne elettorali degli ultimi anni», racconta uno degli esclusi. Il motivo? «Ci hanno detto che non c’erano abbastanza fondi». Tra i sacrificati, come riporta “Repubblica”m spuntano nomi noti nel sottobosco degli addetti ai lavori 5S. Per esempio lo storico fotografo e videomaker del Movimento, assunto dai tempi di Gianroberto Casaleggio.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.