Choc a Eurovision: alcune volontarie vengono molestate da ballerini stranieri e da un cantante

Secondo alcune testimonianze ci sarebbe perfino uno dei cantanti in gara tra gli autori delle molestie alle volontarie dell’Eurovision in programma a Torino fino a sabato, ma sono soprattutto dei ballerini stranieri ad avere avuto condotte volgari e pesanti.

Secondo la ricostruzione della pagini torinesi del Corriere della Sera, il cantante misterioso avrebbe provato con insistenza a baciare una volontaria che lo avrebbe respinto in modo deciso. I fatti, secondo il quotidiano, sono avvenuti domenica sera alla Reggia di Venaria. In programma, la sfilata dell’evento è stata accompagnata da un party esclusivo nella sala della Citroniera. Evento riservato agli invitati (muniti di braccialetto blu), alle autorità, agli staff internazionali e ai loro assistenti con la maglia arancione, in particolare ragazze appena ventenni, che il giorno dopo hanno descritto alcuni comportamenti molesti di cui sarebbero state vittime.

Terminata la diretta del Turquoise carpet, gli staff internazionali si sarebbero ritrovati nel salone, dove la musica e l’alcol (gratis) avrebbero trasformato l’atmosfera di un evento molto ingessato in quello di una discoteca. A quel punto, alcuni ballerini ubriachi avrebbero iniziato a molestare pesantemente le giovani.

Una delle volontarie ha detto al Corriere. «Se non fossi stata una volontaria avrei schiaffeggiato quei ballerini stranieri. Dopo averci fissato a lungo, si sono avvicinati a me e ad altre volontarie. Ci hanno toccato il sedere. Per il disagio abbiamo deciso di allontanarci».

Il Comune di Venaria Reale ha diramato un comunicato: «Eravamo presenti e abbiamo parlato con le ragazze, non è successo nulla di male». Inoltre, secondo quanto riferito dal comune, non sarebbero state sporte denunce presso le forze dell’ordine.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.