Centrodestra, anche il cardinale Parolin promuove l’avvio del governo Meloni: “Avvio serio, c’è volontà di affrontare i problemi del Paese”

«Mi pare che ci sia stato un avvio serio, la volontà che è stata espressa è di venire incontro ai grandissimi problemi del Paese». Lo ha sottolineato il Segretario di Stato Vaticano, cardinale Pietro Parolin, parlando per la prima volta del governo di centrodestrache sta per insediarsi, a margine di una celebrazione a Santa Maria Maggiore per la festa della Spagna. «Evidentemente – ha aggiunto Parolin – guardiamo tutti con ansia e con grandi aspettative all’avvio» del governo che dovrebbe essere a guida Meloni.

«L’auspicio che facciamo è di concentrarsi sui problemi del Paese, che sono tanti, e già c’è la dichiarazione del cardinale Zuppi che li ha ricordati», ha proseguito il Segretario di Stato Vaticano, chiarendo che «ho l’impressione dall’esterno che ci sia questa volontà, almeno è stata espressa, e per questo quadro di formazione del governo sembra che ci sia stato davvero uno sforzo per trovare anche persone adeguate che sappiano rispondere alle problematiche del Paese e speriamo che questo stile possa continuare».

«Ora è difficile dare un giudizio, bisogna giudicare dai fatti. Anche i governi si giudicano dai fatti. Mi pare però che c’è un avvio serio, la volontà che è stata espressa è di venire incontro ai grandissimi problemi del Paese a livello nazionale e poi nel contesto internazionale. Che questo possa continuare», ha aggiunto Parolin, concentrandosi poi sul tema della guerra in Ucraina, rispetto alla quale il Vaticano guarda con speranza alla possibilità di un eventuale dialogo tra Biden e Putin per arrivare ad una tregua e poi allo stop della guerra in Ucraina. «Speriamo si arrivi presto ad un cessate il fuoco. Ad un certo punto la guerra deve finire», ha aggiunto il porporato ricordando che il Vaticano è sempre disponibile ad aiutare la ripresa di un negoziato.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.