Crea sito

[Boom- ascoltate quest’audio che denota la pericolosità della ragazza] Caso Olga Elisabetta Infante, ith24 invita la dottoressa Cimmino a prendere seri provvedimenti, la donna chiama il figlio che non vede da mesi: “Se non mi vedi domani chiamo gli assistenti sociali e ti mando nel collegio”

Ercolano – Olga Elisabetta Infante (Alias Elisa Betta)

By Ith24

23/02/2020, la Elisabetta all’ex marito: “Anche se un giorno ci lasciamo, io voglio stare con te solo per quello. …”

28/01/2018 – la Elisabetta all’ex marito: “No, ma io l’ho detto anche alle mie sorelle, sotto quel punto di vista li…. non ho mai trovato di meglio. Mi sento appagata”.

Di audio depositati di questo genere ce ne sono diversi, lo riportiano per un unico scopo. Non quello di denigrare le attività sessuali di una ragazza. Quel genere di privato va sempre tutelato e rispettato. Infatti riportiamo solo due frasi quasi insignificanti. Anche perché sarebbe ridicolo da parte nostra, se non per delineare la pericolosità di questa ragazza quando, ad un certo punto, credendo di scoprire un presunto tradimento da parte dell’ex marito, inventa e diffama: “io metterò in giro la voce che sei Gay represso, che non mi toccavi. Così rimarrai solo”. Insomma, secondo la Elisabetta forse vale il motto ‘non sei mio non devi essere di nessun’altra?”.

La gelosia della ragazza non ha freni e sfocia nella follia. Non accetta la separazione ed inizia a diffamare l’ex marito. Difatti, secondo l’ex marito, è una scusa. “Mi riferi la stessa cosa del suo ex. Che la picchiava e che non la toccava etc etc. Presi informazioni, e scoprii che era ed è un bravissimo ragazzo, e non avrebbe mai fatto quello che mi fu riferito dalla Elisabetta. Addirittura si provocò da sola un livido per dinostrarmi di aver ricevuto un cazzotto dall’ex ragazzo”. La ragazza non accetta le separazioni e getta fango sui suoi ex. (Il metodo? Sempre lo stesso). Anche perché secondo l’ex marito se fosse stato frocio non avrebbe avuto nessuna difficoltà a dirlo al mondo intero. Anzi. Gli avremmo sicuramente dedicato una intervista a tutto tondo. Anzi. Secondo l’ex marito anche sotto quel punto di vista le attività….. erano regolari, fino a quando la gelosia della ragazza è sfociata in offese, minacce, aggressioni, fino a coinvolgere Il bambino.

In difesa di un minore siamo pronti a pubblicare tutto: foto, video delle assenze non motivate da una giusta causa se non per altri fini. Video minacce, video aggressioni integrali. Nel rispetto della legge non vogliamo ostacolare le indagini, ma la misura è colma .

Il Sito ith24 si rivolge direttamente alla dottoressa Cimmino e si domanda: cosa deve subire più, non un ex marito che ormai è abituato a tutto ed ha le spalle larghe, come infatti cresce da solo suo figlio da circa 9 mesi, ma un minore di 11 anni affinché intervenga la legge? Il fascicolo è sulla sua scrivania, intervenga.

Il caso ormai è alla ribalta e tanto abbiamo scritto. E ci auguriamo che sia servito a qualcosa. Parliamo di Olga Elisabetta Infante, la ragazza madre di Ercolano che fece assistere suo figlio a scene disumane per poi puntare il dito contro terzi. (Continue diffamazioni nei confronti dell’ex marito. Foto di nudo davanti al figlio (Selfie). Fa vedere lui messaggi intercorsi con un pompiere che già è stato segnalato alle autorità giudiziarie. (Guarda con chi parlo, dirà) .Riferisce lui di un certo De Lorenzo che, coincidenza vuole di li a poco l’ex marito viene minacciato con una Pistola da due ragazzi a bordo di uno scooter che lo invitano a non far più pubblicare il nome De Lorenzo sul portale ith24. Picchia il minore e lo chiude fuori la porta al freddo sol perché le impediva di uscire nonostante le restrizioni Covid, alle 21 circa. Esce di casa senza neanche avvisare il figlio facendo prendere un colpo al bambino. Il padre della Elisabetta (il nonno), pluripregiudicato dirà al minore: “se vedo a tuo padre lo uccido, sono io tuo padre”. La nonna cerca continuamente di convincere il bambino di presunte mazzate da parte del padre nei confronti della figlia mai avvenute. Non solo. La Elisabetta è una furia animale e arriva ad aggredire l’ex marito finanche con una bottiglia di vetro Peroni: video integrali già consegnati alle autorità giudiziarie. Da uno schiaffo all’ex marito e gli lancia un temperino di colore rosso nell’occhio: video già depositati presso la Procura). Tutto ciò senza mai ricevere una reazione da parte dell’ex marito che lei attribuisce essere violento. Qualcosa proprio non torna. Insomma, uno stato psicologico che il bambino non è più in grado di subire nonostante l’intervento delle forze dell’ordine che, a più riprese invitano la Elisabetta a rispettare la volontà del bambino e a farlo stare sereno. Niet. La Elisabetta non teme legge ma soprattutto non considera più lo stato psicologico del minore. Ha bisogno di supporto psicologico.

Fatti giustificati dalla Olga Elisabetta con frasi completamente disconnesse dalla realtà: “Siamo nel 2020, che c’è di male”. “Ho solo preso un caffè con due tre ragazzi”. La mamma minimizza gli accaduti e cerca di blindare il suo nuovo fidanzato, ma poi rilancia: “ti mando nel collegio”.

Oggi il figlio sente la mamma a telefono, ma si rifiuta di vederla a seguito di questi accadimenti, non si fida ed ha paura. Come dargli torto. Ma la Olga Elisabetta insiste: “se non mi vedi chiamo gli assistenti sociali e ti faccio mettere nel collegio”. E punta il dito contro l’ex marito: “lo stai manipolando”. Come se i fatti in oggetto fossero solo frutto della fantasia del minore oppure inventati dall’ex marito che, il 12 settembre fu costretto a chiamare la Polizia a seguito della ennesima ira della ragazza che arriva ad alzare un coltello da cucina alla presenza del figlio. Ith24 sono mesi che rimarca che la ragazza ha bisogno di un forte supporto psicologico.

La telefonata, l’ennesima, ci viene segnalata oggi, in data 22 aprile 2021 (ore 17.00 circa). Ed è da brividi: “se non mi vedi ti mando nel collegio”. Minacce. Continue minacce ai danni di un minore. Il bene non si conquista con la prepotenza o peggio con le violenze.

La ragazza, a nostro parere è dissociata dalla realtà, come dirà, cerca di giustificare le sue condotte gettando fango sull’ex marito, e per farsi forte, cita 3 persone: “Pagnano, un ex maresciallo della guardia di finanza e un imprenditore Lecito. Persone che attraverso sentenze hanno perso sia in primo grado che in cassazione proprio contro l’ex marito per aver messo in scena delle finte accuse. Come la Elisabetta hanno inventato di sana pianta storie fantastiche. E di questo, secondo l’ex marito, ne risponderà nelle dovuti sedi. Poi non sapendo più dove aggrapparsi si inventa di fitti, luce e gas. La ragazza non sa più cosa mettere in scena per giustificare le sue azioni, più che azioni vendette, e la cosa gravissima è che lo fa alla presenza del figlio. Come quando si inventò che l’ex marito faceva parte dei Servizi Segreti, poi di comprarsi giudici e sentenze (alla presenza di due agenti di polizia) fino ad affibiargli restrizioni giudiziarie che non esistono. Zero. Tutto frutto della sua fantasia sol perchè, presa da una forte gelosia millanta che l’ex marito la tradisce appunto con un’altra donna. Anzi con più donne. Fatti senza mai trovare riscontri. La ragazza viene lasciata in tronco dall’ex marito a seguito dei suoi atteggiamenti violenti e schizofrenici come quando aggredi una insegnante 70enne prossima al pensionamento. Infatti è sotto processo. E diserta le udienze.

Non solo. La ragazza presenta finanche diverse buste paga false a nome dell’ex marito in compagnia di un ragazzo. Sarà poi denunciata alla Guardia di Finanza e dalla stessa Findomestic dopo essere stata protestata. È un fiume in piena. Secondo l’ex marito ha bisogno di aiuto, ma invece di trovare stabilità e supporto trova una famiglia che la incita. Infatti i genitori entrano ed escono dal carcere per truffa, ricettazione e furto. L’ambiente è quello che è, ed il nipote, nel 2015, tentò di buttare giù dal balcone il piccolo di soli 5 anni. Denunciato dalla stessa Elisabetta, pare essere ancora sotto processo.

Intervenga la dottoressa Cimmino e metta dei punti fermi nei confronti di questa mamma che continua, nonostante le molteplici denunce, e due procedimenti penali aperti, a disturbare lo stato psicologico di un minore che ad oggi cerca solo stabilità e tranquillità. Quella che ha trovato dopo mesi e mesi di strazio nella casa paterna.

Il minore non chiede molto, serenità! E solo Lei può permettere che ciò avvenga in attesa della prima udienza giudiziale di Giugno.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.