Scomparsa Denise, la Procura indaga il giornalista Milo Infante. La replica sui social: “Continueremo a cercarla”

Il giornalista Milo Infante, che con la sua trasmissione Ore 14 su Rai 2 segue la vicenda della scomparsa di Denise Pipitone, risulta iscritto nel registro degli indagati. Lo riporta liberoquotidiano.it, che ricorda che stesso conduttore, in un post pubblicato sul suo profilo Instagram, aveva scritto un messaggio chiaro, dopo aver ricevuto la comunicazione dalla Procura di Marsala di essere indagato.

«Molti mi chiedono a che punto sono le indagini sul sequestro di Denise Pipitone. Temo ferme all’archiviazione disposta dal gip di Marsala su richiesta della Procura. Per contro invece posso dirvi che i giudici indagano chi Denise l’ha cercata con tutte le forze. Giornalisti, ex pm, e non solo… Se qualcuno pensa che sia sufficiente per fermarci sbaglia. Continueremo a cercare Denise».

La mamma di Denise, Piera Maggio qualche settimana aveva anche lei scritto un messaggio su Facebook. «Coloro che hanno rapito Denise, hanno eluso la giustizia italiana. Alcuni ci sono caduti in pieno inconsapevolmente, altri per volontà propria e altrui. Tutto questo rimarrà una vergogna indelebile nella memoria di molti italiani. È dura, ma andremo avanti nella ricerca della verità e giustizia per Denise, come abbiamo sempre fatto. Noi non molliamo!».

Come si legge su Repubblica.it, sulla vicenda di Denise Pipitone si sono spenti anche i riflettori istituzionali. «La commissione d’inchiesta parlamentare, quando sembrava ormai pronta per la costituzione, pronta ad indagare, non verrà costituita».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.