Caserta Vecchia, sabato 18 giugno: “Come pellegrini al Santo Sepolcro”

A sx il delegato Mario Librera con Don Vincemzo De Caprio, Priore della delegazione di Caserta del Santo Sepolcro di Gerusalemme

By Redazione

Tra le iniziative organizzate dalla programmazione annuale della Sezione “Terra di Lavoro Maria Santissima” dei Cavalieri e Dame dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, sabato 18 e domenica 19 giugno, nel Duomo medievale di Casertavecchia, vivremo due eventi armoniosi di grande importanza, uno culturale e l’altro musicale, organizzati dalla delegazione di Caserta con l’ausilio del delegato Commendatore Dott. Mario Librera e dal Priore Sac. Vincenzo De Caprio.

Il momento culturale vedrà una mostra di 14 pannelli, i quali rappresentano il tema “Come pellegrini al Santo Sepolcro”, con lo scopo di far conoscere, apprezzare e amare i luoghi della nascita, predicazione, morte e risurrezione di Gesù ed invitare a visitare la Terra Santa come pellegrini di speranza.

La mostra sarà inaugurata sabato 18 giugno alle ore 17.00 alla presenza del Luogotenente per l’Italia Meridionale Tirrenica S.E. Cavaliere di Gran Croce Dott. Giovanni Battista Rossi, dalla Preside di Sezione la Dama Dott. Marinella Tucci, dalla partecipazione dei Delegati, dai Priori, dai Cavalieri e dalle Dame delle diverse Delegazioni e rispettive famiglie.

La serata di sabato sarà allietata da un momento musicale, un concerto di musica sacra, con la partecipazione del coro polifonico “Resonare Fibris” fondato nell’ottobre 1993. Composto da circa trenta elementi, il coro è diretto dal M° Guglielmo De Maria.

La mostra resterà esposta nel Duomo di Casertavecchia fino a domenica 19 giugno, tutti potranno visitarla in orario di apertura del Duomo. 

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.