Caro energia, “effetto domino” sul prezzo, aumenta pasta, pesce e verdure. Coldiretti calcola gli aumenti

È un «effetto a valanga» quello che il caro energia ha sul costo del carrello della spesa. A calcolare gli aumenti dei prezzi è stata la Coldiretti, in un’analisi che ha preso in esame i principali prodotti alimentari. Si va dal 9% di rincaro per la farina al 20% per gli oli di semi, passando per il 12% della pasta, il 6% del pesce, l’11% del burro, il 7% della frutta, il 17% della verdura.

In relazione allo studio, elaborato sulla base dei dati Istat di febbraio, Coldiretti ha sottolineato che «in un Paese come l’Italia dove l’85% delle merci per arrivare sugli scaffali viaggia su strada, l’aumento dei prezzi di benzina e gasolio ha un effetto valanga sui costi delle imprese e sulla spesa di consumatori con il rischio di alimentare psicosi». Un aumento che si estende all’intera filiera agroalimentare, «dai campi all’industria di trasformazione fino alla conservazione e alla distribuzione ed occorre intervenire nell’immediato per contenerli e non far chiudere le attività produttive e distributive essenziali al Paese».

Il balzo dei costi energetici costa all’agricoltura una bolletta aggiuntiva di almeno 8 miliardi su base annua, rispetto all’anno precedente. A rischio ci sono le coltivazioni, gli allevamenti, l’industria di trasformazione nazionale e a caduta gli approvvigionamenti alimentari di 5,6 milioni di italiani che si trovano in una situazione di indigenza economica. «Il caro energia ferma i trattori nelle campagne, spegne le serre di fiori e ortaggi e blocca i pescherecci italiani nei porti, aumentando la dipendenza dall’estero per l’importazione di prodotti alimentari», ha avvertito Coldiretti, ricordando che con questi numeri agricoltori, allevatori e pescatori «sono costretti a lavorare in perdita». Una situazione alla quale si aggiunge la difficoltà di approvvigionamento di materie come concimi e mangimi. Il risultato è che «quasi un imprenditore su tre (30%)» si è visto costretto «a ridurre la produzione».

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.