Caro bollette, Giorgia Meloni epocale: “Gli italiani pagano la crisi. Bocciati gli emendamenti di FdI contro i rincari”

«La maggioranza boccia gli emendamenti di Fratelli d’Italia contro il caro bollette». Lo scrive sulla sua pagina Fb Giorgia Meloni. «Ancora una volta tentano di far pagare al popolo italiano la grave crisi economica. La nostra battaglia in difesa dei cittadini non si fermerà».

La leader di Fratelli d’Italia a corredo del post pubblica un video in cui Andrea Delmastroillustra gli emendamenti presentati da FdI nell’ambito del disegno di legge sull’Ucraina. Le misure riguardano l’esenzione dell’Iva per le imprese energivore. L’esenzione dell’Iva per le famiglie. L’esenzione dell’Iva sugli aumenti. Tre emendamenti che sono stati bocciati dalla maggioranza.

«Nel disegno di legge sull’Ucraina FdI ha presentato una serie di misure in difesa di imprese e famiglie in relazione al caro bollette», spiega il parlamentare di Fratelli d’Italia.  «FdI ha presentato alcuni emendamenti. Il primo è contro il caro bollette per le imprese energivore. Perché quelle imprese stanno chiudendo. La risposta del ramo sinistro del Parlamento è stata no. FdI non si rassegna e presenta  un altro emendamento che riguarda  la sterilizzazione dell’Iva sulle bollette elettriche per le famiglie. No, anche quello non va bene».

Delmastro ricorda: «Allora memori del fatto che il ministro Cingolani ha detto che i rincari delle bollette sono una truffa colossale abbiamo chiesto al Parlamento di stare vicino alle famiglie e di non applicare l’Iva sui rincari delle bollette. Anche in questo caso la risposta è stata no. Nessuna pietà, nessun segno di vicinanza alle famiglie». FdI, conclude Delmastro, «continuerà a stare a fianco delle famiglie per la sterilizzazione dell’Iva  e per la  rideterminazione  immediata di tutte le accise. Se siamo in economia di guerra, l’economia di guerra non la deve pagare solo il popolo italiano»

.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.