Crea sito

[Forze Speciali] Capitan Nessuno scrive a ith24: “Voglio condividere con il vostro pubblico quanto successo pochi minuti fa. Sono in un posto ostile, ma i bimbi non si toccano, mai”

By Capitan Nessuno (per ith24)

Pochi minuti fa, mentre ero a bordo di un mezzo, ho assistito ad una scena che non mi sarei mai aspettato. Come mia consuetudine lo faccio attraverso il vostro portale. Affido a poche persone le mie esperienze personali. Solo a chi stimo veramente. E di persone che nutrono la mia stima ed il mio rispetto si contano sulle dita di una mano.

Questa sera, mentre ero a bordo del mio mezzo, per strada, pensavo… Ad un certo punto, c’erano due bambini che giocavano a pallone in un posto dove di solito c’erano decine di bambini, oggi, ahimè, ce n’erano solo due, ed erano tristi in volto.

Ho chiesto ad uno dei miei uomini di fermare il mezzo. Mi sono fermato a guardarli da lontano, mi dispiaceva passare in mezzo ed interrompere il gioco. Poi è sopraggiunta una vettura nera e per errore quel pallone è rimbalzato proprio su quel cofano attirando l’attenzione dell’automobilista. Immediatamente si è fermata ed è sceso un energumeno inveendo contro i due ragazzini nonostante il bambino gli avesse chiesto scusa!


Io guardavo la scena, in silenzio, ma poi ho visto che l’uomo man mano si avvicinava sempre più ai bambini, stava per sferrare uno schiaffo ad uno dei due. Non so perché, ma gli sono andato alle spalle e gli ho bloccato il braccio. Mi ha guardato sorpreso, ha provato a darle a me, l’ho schivato e l’ho steso tramite un punto di pressione, senza altra violenza, non volevo che i bambini vedessero una scazzottata tra adulti.

Il bambino mi ha detto grazie, ed io ho solo sorriso, mi sono rimesso il cappuccio e me ne sono andato.
Mi sento anche io un bambino, più di lui. E mi domando: Perché c’è questa violenza, perché? E’ come se la gente l’avesse sempre avuta dentro e adesso, per una qualche magica ragione fosse uscita fuori, come il bubbone di un foruncolo. Come se adesso si dovesse rispondere ad ogni cosa con la violenza gratuita, perché sono sicuro che nessuno di questi violenti sarebbe capace di difendere o difendersi da un talebano armato! E “Daniele” sa benissimo a cosa mi riferisco.

Quelli che erano lì vicino si sono spaventati più della mia reazione che di quella dell’uomo e mi hanno guardato come se fossi un mostro.

Ma uno dei due bambini, prima che caricassi l’uono in macchina per farlo allontanare, mi ha detto “Grazie”. Ho risposto lui: anch’io sono stato piccolo come te, debole e indifeso. Mi ha chiesto chi fossi, io ho risposto: il Comandante di un Esercito Fantasma, “Nessuno”.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.