Cala il mistero sul gas russo: continua ad arrivare in Europa senza nessun blocco. Giallo sui rubli

Allarme rientrato, per ora. Il gas dalla Russia continua ad arrivare verso il resto d’Europa. Nonostante le preoccupazioni sulla possibilità di un taglio delle forniture tra tensioni per le sanzioni europee e le richieste di pagamenti in rubli, come annunciato da Putin, la società russa Gazprom (nella foto, il quartier generale della società a Mosca) ha annunciato che i gasdotti stanno ancora inviando gas verso ovest. Ci saranno 104,4 milioni di metri cubi di gas ‘pompati’ in Europa venerdì, ha detto il portavoce di Gazprom Sergey Kupriyanov, nei commenti riportati dall’agenzia di stampa Interfax. Questa è quasi la quantità massima giornaliera consentita dagli attuali contratti. Ciò significa che il gas continua a fluire attraverso il territorio ucraino, nonostante l’invasione russa del paese, lanciata alla fine di febbraio.

“Le forniture di gas russo non si interromperanno se i pagamenti in rubli non avverranno oggi. Lo ha chiarito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, nel giorno in cui è entrato in vigore il decreto del presidente russo Vladimir Putin, che impone ai Paesi ostili il pagamento in rubli delle forniture di gas. “Il pagamento per quelle consegne che sono in corso ora non dovrebbe essere effettuato oggi, dovrebbe essere effettuato alla fine della seconda metà del mese, aprile, o anche all’inizio di maggio “, ha spiegato Peskov. Poi ha aggiunto che “la decisione di far pagare in rubli potrebbe essere annullata in futuro a certe condizioni, ma al momento è l’opzione più affidabile”.

Dunque, per adesso, le spedizioni continuano di fronte alle minacce del Cremlino di chiudere i rubinetti a meno che i pagamenti per il gas non inizino ad arrivare in rubli. Le sanzioni occidentali provocate dall’invasione dell’Ucraina hanno danneggiato l’economia e provocato una perdita di valore del rublo. Forzare i pagamenti in rubli aiuterebbe a sostenere la valuta. Ma l’Occidente si è opposto a questa richiesta. Una nuova proposta che permette pagamenti in dollari o euro a una banca controllata dalla Russia è entrata in vigore venerdì, ma non è chiaro se gli acquirenti occidentali abbiano aperto tali conti.

Secondo quanto riferisce l’agenzia russa ‘Tass’, nel primo trimestre del 2022, secondo i dati preliminari, Gazprom ha ridotto la produzione di gas dello 0,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La produzione si è attestata a 135 miliardi di metri cubi. Le esportazioni di gas verso paesi non Csi nel primo trimestre sono diminuite del 27,1% (di 14,3 miliardi di metri cubi) – a 38,5 miliardi di metri cubi. “A marzo, le esportazioni sono aumentate in 9 paesi europei, in particolare in Italia, Polonia, Grecia, Bulgaria, Croazia, così come in Turchia”, ha detto il colosso russo del gas. “Gazprom continua a fornire gas secondo le richieste dei consumatori nel pieno rispetto degli obblighi contrattuali”, ha aggiunto la società.

Inoltre, l’esportazione media giornaliera di Gazprom a marzo è aumentata del 17,1% rispetto a febbraio – fino a 493,5 milioni di metri cubi. Anche le esportazioni di gas verso la Cina attraverso il gasdotto Power of Siberia continuano a crescere.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.