Crea sito

BOOM In manette il procuratore di Taranto Capristo: pressioni per indirizzare le indagini

By Fabio Vacca (per ith24)

Lo Stato perde due volte. Finisce in manette Il procuratore capo di Taranto, Carlo Maria Capristo.

Il fascicolo è stato aperto dai suoi stessi colleghi di Potenza. Le accuse sono pesanti, infatti riguardano pressioni che Capristo avrebbe esercitato su un magistrato di Trani poco dopo il suo trasferimento a Taranto.

Per il procuratore capo Capristo si mette davvero male, considerato che già pende un’accusa per abuso d’ufficio mossa dai magistrati di Messina nell’inchiesta sul “sistema Siracusa“, una presunta organizzazione che secondo l’accusa era in grado di pilotare le decisioni del Consiglio di Stato, ma anche di aggiustare le richieste provenienti da magistrati e politici.

Insomma l’antistato nello stato.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.