Crea sito

[BOOM] Coronavirus, indiscrezioni sul nuovo dpcm di Giuseppe Conte pur di tenersi stretta la poltrona: ecco cosa cambia

Tra due giorni, il nuovo dpcm di Giuseppe Conte per inasprire le misure di sicurezza per contenere il contagio da coronavirus. La data prevista è il 14 luglio. Ma nelle ultime ore iniziano a filtrare indiscrezioni relative al pacchetto di provvedimenti in grado di stravolgerci l’estate. In primis le mascherine, confermate nei luoghi chiusi e obbligatorie, mentre potremo non usare i guanti. Dunque resta l’obbligo di lasciare le proprie generalità nei luoghi pubblici, che conserveranno i nostri dati per 14 giorni. E ancora, necessaria la sanificazione di tutti i luoghi,  la presenza del disinfettante per igienizzare le mani e i termoscanner per la rilevazione della temperatura corporea quando si entra in centri commerciali e uffici. 

Probabilmente slitterà la riapertura di discoteche e sale da ballo: la proroga del divieto dovrebbe durare fino al termine del mese. La riapertura, per i locali all’aperto, era prevista per martedì. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha spiegato che ““se le Regioni decideranno di farlo autonomamente, possono eliminare le restrizioni ma dovranno assumersene le responsabilità”. 

Quindi il divieto di assembramento, che permane ovunque, nei locali ma anche nelle spiagge: pena, multe salatissime a chi non rispetta le regole. In particolare, saranno gli stabilimenti balneari ad essere nel mirino delle forze dell’ordine: necessario rispettare  il distanziamento previsto tra ombrelloni, sdraio, bagnanti. Inoltre, locali e ristoranti dovranno continuare a controllare gli accessi ad aperitivi, pranzi e cene. Insomma, si continuerà a vivere in un clima di libertà sospesa.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.