Crea sito

[Basta Balle] Zangrillo a valanga contro il governo: “Terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve prendere la responsabilità”

By Lucia Gallo (per iith24)

Ormai Alberto Zangrillo, direttore del reparto di terapia intensiva del San Raffaele di Milano, è un fiume in piena contro il governo Conte. Anche se lo fa con stile: “clinicamente il Covid-19 non esiste più“. Terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve prendere la responsabilità”.

Ma i contiiani non ci stanno, e  Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità, passa al contrattacco: “Non posso che esprimere grande sorpresa e assoluto sconcerto per le dichiarazioni del professor Zangrillo. Basta guardare il numero di nuovi casi ogni giorno per avere la dimostrazione della persistente circolazione in Italia del virus. Bisogna continuare sul percorso della responsabilità dei comportamenti individuali”.

Ma ormai di Conte e del governo giallorosso non si fida più nessuno, ricordiamo ancora le loro frasi: “L’Italia è prontissima” tuonava a febbraio Conte; “Abbraccia un cinese!” esclamavai Zingaretti; “è tutto sotto controllo” dichiarava il ministro della Salute Speranza.

Guai su guai. E Luca Richeldi, membro del Comitato tecnico-scientifico della Protezione Civile, proprio ieri, per far vedere di essere in grado di contraddire Zangrillo, ha chiosato: “Questa è una situazione talmente drammatica che le dichiarazioni a effetto andrebbero evitate, perché non sappiamo che conseguenze potrebbero avere”.

Insomma, è proprio il caso di dirlo: questo governo e questi virologi super star, con la scusa del contagio eterno, no che non si debbano usare tutte le dovute cautele e precauzioni, stanno costruendo le loro carriere e gonfiando i loro portafogli.

Pubblicato da edizioni24

Gaetano Daniele già Editore de Il Fatto e Il Notiziario (Settimanali per la distribuzione gratuita) Amministratore Il Notiziario e ith24.it Per contattare ith24 scrivere a: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.