[Esclusiva] Afghanistan, il Corvo a ith24: “200 i morti all’aeroporto di Kabul. Volete il dialogo? Prepariamoci al peggio, ci saranno altri attentati”

By Il Corvo

Tutte le potenze impegnate in Afghanistan brancolano nell’inferno di Kabul. Gli Usa hanno ripreso a ricontare i loro morti dopo l’attacco suicida di idue giorni fa nell’aeroporto della capitale.

Joe Biden ha le mani legate da accordi presi di cui non è dato parlare. Ma tuona: “L’America – non si lascerà intimidire dai terroristi.Continueremo le nostre evacuazuoni“. Parole che vorrebbero mettere tra parentesi il macello provocato ieri dall’Isis-K con i suoi 170 morti (200, tra cui 13 Marines) a bilancio non ancora ultimato.

Ma non si può. È il primo a saperlo è proprio il presidente Usa, nel momento in cui ha voluto rimarcare con parole forti e accorate il lutto che ieri 13 famiglie americane. “Perdere un figlio o un padre è come essere risucchiati in buco nero“, ha infatti detto nel ricevere alla Casa Bianca il premier israeliano Naftali Bennett.

Tanto più che l’allarme per ulteriori raiddi kamikaze all’aeroporto di Kabul è tutt’altro che cessato. È inevitabile. Ci saranno altri attacchi kamikaze Ma gli Usa senza una Taske Force alleata, avrà la peggio. Biden ha commesso due grossi errori: far ritirare le truppe alleate, riducendo il raggio d’azione dei marine, snellendo i contingenti chiave. Stanno inpiegando sottobanco la Legione, ma da soli, avranno la peggio.

Altro errore è sottovalutare una risposta su una possibile guerra civile. 

Nulla di più se non l’annuncio dell’apertura di un’indagine, atto dovuto, ma ci puliamo il culo, sull’attacco terroristico di due giorni fa e di quelli che, inevitabili, arriveranno.

Quanto ai talebani, non credo alle fonti Onu che assicurano che il nuovo governo dell’Afghanistan si è impegnato a rispettare il lavoro delle agenzie umanitarie delle Nazioni Unite.

Secondo il Pam, in Afghanistan vi sono 14 milioni di persone che soffrono di insicurezza alimentare. Oggi la Missione di Assistenza delle Nazioni Unite (Unama) ha ribadito che tutte le agenzie umanitarie dell’Onu intendono continuare a lavorare in Afghanistan. Ma a quali condizioni?

Il Corvo

Pubblicato da edizioni24

Sito a cura di Rita De Marco dal 07/09/2021. Rita De Marco è una studentessa di Napoli, aspirante giornalista, fashion Blogger. Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.