41 mila contagi, Napoli diventa zona rossa e sul lungomare partono subito le proteste contro il lockdown e Conte


La Campania diventerà zona rossa
 a partire da domenica 15 novembre. Una decisione che era attesa da tempo e che mette fine allo scaricabarile tra governo e regione: l’impressione è che si siano persi 10 giorni di tempo preziosi in zone come Napoli e Caserta, dove la situazione epidemiologica è fuori controllo.

Secondo diverse indiscrezioni uno dei motivi del contendere era la reazione sociale che si sarebbe potuta scatenare in alcune zone alla notizia del lockdown: infatti il presunto timore di Giuseppe Conte e Vincenzo De Luca è diventato realtà, con un centinaio di persone che sono scese in piazza immediatamente dopo la conferma del sindaco Luigi De Magistris dell’arrivo della zona rossa a partire da domenica. “Libertà, libertà” ha gridato il gruppo di manifestanti che ha bloccato il lungomare di Napoli, nei pressi degli uffici della Regione Campania. Le proteste sono apparse anche piuttosto organizzate, a giudicare dalla presenza di striscioni già stampati e di una certa comunione d’intenti: le forze dell’ordine sono immediatamente occorse ma stvolta non c’è stato nessuno scontro.

Pubblicato da edizioni24

Per info e segnalazioni: [email protected] Fondatore Sito: Gaetano Daniele, già editore de "Il Fatto" e "Il Notiziario"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.